Nasce l’UNIONE CANTASTORIE e si candida a Patrimonio dell’Umanità

yescalabria_cantastorie_01-minUna buona notizia di questi giorni giunge dal centro del Mediterraneo, nasce l’Unione Cantastorie, un coordinamento di Associazioni Culturali del Sud che raggruppano altrettanti Cantastorie siciliani, calabresi e non solo.

L’incontro del 25.03.2017 nella cittadina etnea di Paternò (CT), patria indiscussa dei Cantastorie del secolo scorso, ha visto confluire numerosi cantastorie siculo – calabri che si sono ritrovati nel Teatro del Museo Casa del Cantastorie per unirsi e creare le basi di un progetto comune, rispondendo all’invito di Franco Occhipinti, Presidente dell’Associazione ragusana “Gli Ultimi Cantastorie” e di Cettina Busacca figlia d’arte della famiglia dei più famosi Cantastorie siciliani,

Dall’incontro è nata subito la consapevolezza di voler dar voce a una bellissima realtà: Il Cantastorie sopravvive!

L’incontro si è concluso con un magnifico spettacolo che ha visto alternarsi sul palcoscenico del Teatro 12, diversi Cantastorie che hanno manifestato la loro arte, le loro diversità di stili e le loro storie, tra tradizione e innovazione.

Nei giorni successivi all’incontro, si è messa in moto la macchina organizzativa che ha visto, a meno di un mese di distanza, nascere l’Unione Cantastorie.

E’ stato costituito un Consiglio Direttivo che vede al suo interno Cantastorie dello spessore di Nonò Salamone (Sutera, CL), Alfio Patti (Catania), Cettina Busacca (Paternò, CT), Sara Cappello (Palermo), la regista Luana Occhipinti (Ragusa), Fulvio Cama (Reggio Calabria) che ricopre il ruolo di Direttore Artistico e Franco Occhipinti (Ragusa), nel ruolo di Presidente.

Un gruppo di tutto rispetto che rappresenterà l’Unione Cantastorie e che già si preannuncia di diventare una grande casa aperta a tutti, siano essi Cantastorie duosiciliani, italiani o del resto del mondo.

Da come emerge dal documento sottoscritto e divulgato, il progetto punta a diventare da subito una realtà artistico – culturale di levatura mondiale, attraverso la formale presentazione della candidatura del Cantastorie a Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Sarà quindi una piacevole sorpresa rivedere nelle piazze, nei teatri, nei borghi, nei castelli della nostra terra, ancora in scena la figura del Cantastorie che sopravvive da tempi immemorabili, quando Omero cantava l’Iliade e l’Odissea.

Il progetto prevede la realizzazione di Festival e Rassegne, laboratori e mostre, convegni ed una serie di attività legate alla sopravvivenza e rivalutazione della figura del Cantastorie, nella consapevolezza che ciò appartiene alla più antica identità territoriale e contribuisca al riscatto e alla rinascita del nostro Sud.

Una grande casa quindi, aperta a tutti, Cantastorie e non, perché chiunque vuole contribuire alla crescita del progetto può farlo, da artista o da semplice collaboratore, entrando a far parte dell’ Unione Cantastorie con una semplice richiesta di adesione.

L’adesione è gratuita e libera e basta compilare una scheda di accesso che presto verrà divulgata attraverso i canali dedicati sul web e non comporta alcun impegno se non il sostegno all’iniziativa.

La nascita dell’Unione Cantastorie è dunque una bellissima notizia che punta, in un mondo sempre più globalizzato e distratto, a ripartire dal basso, dalle nostre eccellenze e dai nostri talenti!

Tagged on: