Sulle orme del Grand Tour in Calabria

old-calabria_1“Old Calabria” per tutti è il titolo del diario di viaggio che Norman Douglas, giornalista e scrittore inglese, pubblicò a Londra nel 1915, dopo il lungo soggiorno in Calabria tra il 1907 e il 1911. Non solo, però. Da alcuni anni è anche il nome di un parco tematico pensato e realizzato dalla Fondazione Napoli Novantanove, per l’appunto il Parco Oldcalabria®, con sede amministrativa a Camigliatello Silano (Cosenza). Come si legge sul suo sito, il progetto è «volto a promuovere la conoscenza della regione, e delle sue zone più interne, a valorizzarne il patrimonio culturale ed ambientale, a scoprirne usi, costumi e consuetudini, ad apprezzarne odori e sapori».

Ispirato ai racconti di numerosi viaggiatori, sia stranieri che italiani, che a partire dal Settecento si spinsero con il Grand Tour alla scoperta del Sud d’Italia e della Calabria in particolare, tra cui Edward Lear, Francois Lenormant, George Gissing, Alexandre Dumas, Vivant Denon, Henry Swinburne, il Parco Oldcalabria è un itinerario culturale che valorizza tesori d’arte e paesaggio lungo 200 Kmq di territorio calabrese, nelle province di Cosenza e Crotone, dal Massiccio del Pollino a Capo Colonna.

Chiara la sua mission: «Seguiremo le tracce dei grandi insediamenti magnogreci e quelle della religiosità bizantina che ancora sopravvive in chiese, romitori, grotte, feste e dialetti. Lanceremo uno sguardo ai tesori d’arte più recenti che incontreremo sul nostro cammino. Visiteremo antiche botteghe artigiane, rimaste intatte lungo i decenni, ove fanno mostra di sé tessiture a mano, rustiche ceramiche, giunchi intrecciati. E non trascureremo la natura, che in Calabria odora di bergamotto e di agrumi, si colora dell’argento degli ulivi, si sbriglia nella macchia mediterranea e offre ristoro in cale e insenature dalle spiagge bianchissime e dal mare intensamente blu».

Nell’itinerario è compreso anche il museo “La Nave della Sila”, detto anche Museo Narrante dell’Emigrazione. Anch’esso un progetto della Fondazione Napoli Novantanove, che  «intende contribuire a colmare un ingiustificabile vuoto di memoria storica e civile in una regione che ha vissuto, più delle altre, la drammatica esperienza del movimento migratorio».

Il Parco organizza anche laboratori didattici rivolti agli alunni delle Scuole Elementari, delle Medie e delle Superiori e, nei mesi estivi, numerosi incontri culturali a tema.

Torre Camigliati -Camigliatello Silano (CS)
Torre Camigliati -Camigliatello Silano (CS)

Come si raggiunge:

IN AUTO: da Cosenza si imbocca la superstrada Silana – Crotonese (n. 107), che ha ormai sostituito la vecchia strada statale 107, in direzione di Spezzano della Sila. Il primo paese che si incontra provenendo dalla città capoluogo è Celico, dove si vuole sia nato Gioacchino da Fiore. Proseguendo si incontra Spezzano Piccolo e, subito dopo, Spezzano della Sila (o Grande). Si prosegue quindi in direzione di Camigliatello. Per raggiungere La Nave della Sila (che è situata all’interno del Parco Old Calabria) giunti in paese si svolta a destra e si prosegue, per circa 1500 metri, sulla S.S. 177. In località Forgitelle, si imbocca sulla destra una stradina in terra battuta e la si percorre per circa 500 metri fino al piccolo ponte sul torrente Camigliati. Un cancello indica l’ingresso alla proprietà.

Suggerimento per navigatore satellitare: Località: Via Camigliati – Camigliatello Silano.

IN AEREO: 45 minuti dall’aeroporto di Crotone. 1 ora dall’aeroporto di Lamezia.

IN TRENO: arrivo con eurostar a Paola e connessione per Cosenza.

IN AUTOBUS: da Roma a Camigliatello, con autolinee SIMET, quotidiano.

Il Parco è aperto:

Luglio:

Il sabato e la domenica dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 15:30 alle 18:30

Agosto:

tutti i giorni – escluso il 15 agosto – dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 15:30 alle 19:30

Settembre:

per tutto il mese il sabato e la domenica dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 15:30 alle 18:30

Ingresso gratuito

Il centro visitatori del parco è a Torre Camigliati.

Siti web:

www.oldcalabria.it

www.napolinovantanove.org

Tagged on: