Un weekend al MArRC, tra storia e musica

Un fine settimana denso di appuntamenti, al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.

Oggi, venerdi 23 febbraio, alle ore 17, l’archeologa Stefania Mancuso, dell’Università della Calabria, incontrerà il pubblico al MArRC su “Studio del territorio e comunicazione dell’Antico in Calabria ai tempi della multimedialità”.

In conclusione, interverrà il presidente dell’Associazione “Amici del Museo” – che promuove il colloquio – con la relazione “Facciamo il punto sulle testimonianze archeologiche di Reggio Calabria”, coadiuvato da videoproiezioni.

Un’occasione per valorizzare la mostra “Zankle e Rhegion. Due città a controllo dello Stretto”, al livello E del Museo (fino al 4 marzo).

Nell’ambito del ciclo di incontri sul tema “Dall’antico al moderno. Storia e variazione del teatro classico nella tradizione occidentale”, promossi dal MArRC in collaborazione con il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, domani, sabato 24 febbraio, alle ore 17.30, si terrà la conferenza della professoressa Paola Radici Colace, docente ordinario di Filologia classica all’Università di Messina, su “Le Baccanti” di Euripide: “Attori, ruoli, personaggi, scenografie e Realien teatrali nella tragedia della follia”. Interverrà il direttore del Museo, Carmelo Malacrino, con la presidente del Cis, Loreley Rosita Borruto. Si parlerà di antagonismi e opposizioni nella tragedia euripidea, simbolici dell’esperienza umana universale: mascheramenti e svelamenti, saggezza e follia, e l’arroganza che porta alla distruzione, in uno “scavo” culturale nella figura mitica e metaforica di Dioniso, dio del teatro e del vino, in riferimento al “doppio teatrale” e dell’ebbrezza alcolica, con le sue contrapposte potenzialità liberatorie e di perdizione. Si arricchisce, così, il percorso di visita della mostra “Dioniso. L’ebbrezza di essere un dio”, al livello E, con eccezionali reperti delle collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Napoli e di Intesa SanPaolo.

Domenica 25 febbraio alle ore 12, l’Associazione culturale “Ars Enotria” con l’Associazione culturale Calabria-Spagna, organizzano nello spazio di Piazza Paolo Orsi il concerto “Tango Italiano”: tre musicisti cosentini – Anna Stella Cirigliano, Francesco Perri e Josè Daniel Cirigliano – eseguiranno brani musicali di un repertorio del tango italiano che spazia dal pop alla musica colta e raffinata (Kramer, Mascheroni, Giacomantonio, Puccini, Leoncavallo, Petrolini e altri autori). Il concerto si colloca nel progetto “Musica nei Musei” di “Ars Enotria”, per divulgare il sapere e l’amore della musica classica, dell’arte e dell’archeologia, in un incontro interculturale tra due popoli storicamente legati, quello italiano e quello argentino. L’Associazione, con sede a Rende, presieduta da Celeste Foti, è infatti impegnata nella promozione delle arti e della conoscenza delle civiltà. Il concerto si svolgerà nella cornice espositiva della mostra “Abemus in Cena. A tavola con i romani” (fino all’8 marzo), nel 2018, istituito dal MiBACT Anno del cibo italiano.
Il direttore Carmelo Malacrino commenta così il programma del weekend ludico-formativo al MArRC: «Il nostro Museo svolge un importante compito formativo, attraverso la promozione dei saperi e delle arti, in un progetto di conoscenza e di scavo delle radici culturali del territorio che non trascura il gioco e il divertimento come attività educative, e non soltanto di svago».
Dunque, vi aspettiamo numerosi al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria!

    Tagged on: