(Ita) Addio alla giornalista e scrittrice Adele Cambria

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Adele CambriaSi è spenta ieri a Roma, all’età di 84 anni, la giornalista e scrittrice Adele Cambria, una delle voci più importanti del giornalismo femminile in Italia. Nata e cresciuta a Reggio Calabria, dopo la laurea in Giurisprudenza, si trasferì nel 1956 a Roma dove intraprese subito una intensa carriera in noti giornali e periodici: Il Mondo, Paese Sera, Il Giorno, La Stampa, Il Messaggero, L’Espresso, L’Europeo, l’Unità.

Tra le prime animatrici del movimento femminile in Italia, sempre attiva nelle battaglie per la libertà e l’indipendenza delle donne, è stata fondatrice della storica rivista EFFE, prima rivista del movimento.

Amica di Moravia, Morante, Pasolini – per il quale ha recitato in Accattone e Teorema, partecipando con Camilla Cederna e Oriana Fallaci anche a Comizi d’amore – , è stata una figura di primo piano della cultura italiana. Scrittrice di narrativa e teatro, è stata anche tra le fondatrici del Teatro “La Maddalena” di Roma. Ha collaborato inoltre con la Rai, come autrice di trasmissioni sull’immagine delle donne e sul Meridione d’Italia.

Una voce libera, una giornalista ribelle, sempre coerente con le sue idee, tanto da collezionare ben nove dimissioni da importanti testate e un processo per apologia di reato, in qualità di direttore responsabile del giornale “Lotta continua”.

La prima redazione di EFFE
La prima redazione di EFFE

Una passione innata per il giornalismo e la scrittura, che racconta così “Io non conoscevo nessuno, non appartenevo a nessuno, avevo soltanto voglia di aggredire le cose, sventrarle e dirle, scriverle, anzi”. La collega e amica Annarosa Macrì – nell’articolo pubblicato oggi da Il Quotidiano del Sud – la ricorda con queste parole, “Prima mito, per me, poi cattiva ragazza, nel senso di irregolare, anticonformista, femminista, ma esemplare, nel senso che è stata un esempio per tutti di giornalista intransigente, libera, ribelle”, e ne cita il semplice e pregnante testamento professionale: “Vado a vedere con i miei occhi – diceva Adele -. È questa la mia linea di comportamento in oltre 50 anni di giornalismo. Anche nel corso di questi ultimi anni della professione ho continuato a trottare, persuasa che nulla può dare al lettore la testimonianza genuina di un fatto, l’odore del fatto, se il giornalista non l’incarna a partire dalla sua stessa presenza totale nei luoghi in cui qualcosa succede”.

 

 

Di seguito il ricordo del Prof. Tonino Perna, intellettuale e amico di Adele Cambria.

Adele Cambria è stata una grande giornalista e scrittrice calabrese, che è rimasta sempre legata a questa terra a differenza di altri intellettuali che sono fuggiti dalla Calabria e ne parlano solo con disprezzo.

L’ho conosciuta durante i “fatti di Reggio” nell’estate del 1970, inviata dall’Espresso, allora un settimanale molto seguito nel nostro paese. Da allora l’ho incontrata quasi ogni anno quando veniva a passare le vacanze nella sua Catona, in quella casa baciata dagli eucalipti giganti che facevano filtrare spezzoni di immagini dello Stretto. Adele Cambria è stata la dimostrazione di come si possa essere glocal, vivere in una sfera globale senza dimenticare le proprie radici, impegnandosi con i propri mezzi per il riscatto di una terra martoriata.

Ci mancherà la sua ironia dolce ed amara come una pietanza giapponese, i suoi occhi di acquamarina che riflettevano i colori del nostro mare nelle lunghe giornate di sole, il suo girare in largo e lungo nella nostra regione alla ricerca di storie da raccontare, di un’altra Calabria da far conoscere al resto del nostro paese, la sua leggerezza e forza con cui ha affrontato l’età che avanzava. Certo, Adele è stata ben altro – leader del nascente movimento femminista, penna raffinata ed apprezzata a livello nazionale, generosa madrina di movimenti di lotta e tante altre cose – ma io la voglio ricordare come una grande amica che ha dato tanto alla nostra terra, sempre con gioia e senza rimpianti.