(Ita) Arte inedita e Antichità ritrovata: presentata a Cetraro la mostra politematica

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

“Si realizza oggi ciò che quasi dieci anni fa avevamo visto come potenziale scommessa: aver realizzato un museo dinamico, affidarlo ad una classe dirigente giovane e con un background specifico di competenze significa aver dato slancio non solo all’immagine della nostra città, ma dell’intera comunità”: così il vicesindaco Fabio Angilica intervenuto ieri a Palazzo Del Trono in occasione della presentazione alla stampa della mostra politematica “Arte inedita e Antichità ritrovata” che dal 16 giugno al 31 agosto animerà il Museo Civico nel cuore del centro storico di Cetraro.

“Aver reso questa struttura autonoma – ha proseguito l’assessore alla cultura – è la nostra vittoria più grande perché è insieme condivisione di un percorso intrapreso dalla cooperativa Caster che gestisce l’ente ed è, altresì, la dimostrazione di come investire in cultura possa ripagare in termini economici, innovativi e sociali. Le amministrazioni hanno bisogno di costruire reti di rapporti tra cosa pubblica e società civile”.

Anche Luigi Orsino, presidente della Caster e deus ex machina del progetto, ha esordito sottolineando l’importanza della sinergia venutasi a creare tra i diversi attori che hanno reso possibile la realizzazione della mostra: “che ha beneficiato del contributo della regione Calabria ed è patrocinata dal comune di Cetraro, dalla Soprintendenza ABAP per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone, dalla Curia vescovile di San Marco Argentano e dalle parrocchie di San Benedetto Abate e San Pietro Apostolo di Cetraro. Le attività di studio e di esposizione dei beni invece sono state supportate da docenti universitari ed esperti professionisti”.

“Con questo percorso espositivo -ha proseguito Orsino – si materializza il proposito che muove il nostro agire: mettere i beni culturali al centro del nostro discorso identitario, quale coronamento di un progetto scientifico che vede, nelle cinque sezioni della mostra, l’approfondimento dei beni mobili e immobili del nostro territorio. Ad arricchire tale iter avremo inoltre il supporto della CasterApp, di pannelli didascalici all’interno della mostra e di un ciclo d’incontri d’approfondimento che partiranno dalla fine di giugno”.

Francesco Palmieri, project manager dell’iniziativa ha poi puntualizzato come: “questa mostra rappresenta l’utilizzo efficace dei fondi europei destinati alle attività culturali. È stato un percorso lunghissimo caratterizzato da un meticoloso lavoro di ricognizione e studio dei beni, sino all’allestimento. Si è voluto puntare sulla digitalizzazione attraverso l’uso di strumenti innovativi per rivolgersi anche a un target d’utenza più giovane”.

A concludere l’incontro moderato dalla giornalista Simona De Maria, è intervenuto Pasquale Mazzei, a capo del team che ha realizzato l’app che permetterà di poter realizzare un tour virtuale della mostra e dei beni immobili: “l’applicazione – ha dichiarato l’ingegnere – è stata pensata per diffondere in maniera immediata e capillare i contenuti espositivi. Si tratta di una multipiattaforma disponibile sia per smartphone che tablet e scaricabile da Google Play e da Apple Store. All’interno, inoltre, è presente un motore di ricerca delle opere con foto, mappe e descrizioni dettagliate. È un modo innovativo per valorizzare il nostro territorio ed il suo patrimonio culturale dando la possibilità a chiunque voglia di conoscere le nostre ricchezze. L’app è un continuo aggiornamento è presto sarà multilingue”.

Appuntamento dunque il 16 giugno alle h 18,00 con l’inaugurazione della mostra a Palazzo Del Trono.