(Ita) Barbara Forte ai microfoni di Yes Calabria. Autrice di una trilogia di favole per bambini

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Barbara Forte

Un’intervista con Barbara Forte, animatrice dell’associazione culturale “Il Fiore di Aria” con sede a Saracena in provincia di Cosenza, che ha appeno pubblicato una trilogia di favole per bambini.

Da animatrice culturale con la sua associazione “Il Fiore di Aria” – ricordiamo in particolare tra le iniziative dell’associazione la creazione di una biblioteca di scambio e di una “Little Free Library” – ad autrice di favole per bambini. Come è maturata questa idea?

La lettura è stata sempre una mia grande passione, fin da quando ero bambina. Adoro le biblioteche e, quindi, tutti i generi di libri. È un rapporto non solo intellettuale, ma epidermico con i libri, la carta e il suo odore, le rilegature, le copertine. Sono quella che si può definire una lettrice compulsiva, per quanto orrenda sia questa parola [sorride…]. Penso che il passo verso la scrittura, la composizione di qualcosa di mio, sia stato per certi versi scontato, un approdo inevitabile. Mi rendo conto che ci vuole coraggio a sottoporsi al giudizio dei lettori, della critica. Ma poi questo coraggio l’ho trovato, ci ho provato.

Dunque tre favole illustrate: “Il castello degli animali”, “Un’avventura spaziale”, “Aria e la magia di un sogno”. Vogliamo parlarne?

“Aria e la magia di un sogno” è stata la prima che ho scritto. Il nome Aria, che poi è anche il nome dell’associazione che presiedo, ha per me un significato particolare, profondo, che rievoca ricordi legati a due persone, i pilastri della mia vita. La protagonista, una bambina, l’ho immaginata immersa nei libri, che sogna, vola con la fantasia, esattamente come vorrei facessero tutti i bambini tenendo in mano un libro e guardando delle belle illustrazioni. Poi è venuto “Il castello degli animali”. Le favole che ricordo con piacere hanno sempre avuto un castello e personaggi del mondo animale. Legate ad avventure fantastiche, poi, coinvolgono maggiormente i bambini e arricchiscono la mente, stimolando la loro fantasia. Infine, “Un’avventura spaziale”. L’ho pensata un pomeriggio trascorso insieme a mio nipote. Ho iniziato a raccontargli di un bambino molto somigliante a lui e man mano il racconto si è arricchito di elementi che lui stesso ha pensato. Hanno preso forma i suoi sogni, il suo razzo preferito, la voglia di andare in giro per conoscere ed esplorare la galassia e le stelle…la passione di molti bambini!

C’è una “morale” che accomuna tutte e tre le favole? Quale massaggio intendono veicolare?

favole Barbara ForteIn tutte e tre le favole ho voluto dare valore al significato dell’amicizia, della solidarietà, delle emozioni, e mettere in evidenza i legami, qualsiasi essi siano, che devono essere al centro di ogni situazione. E, perché no, anche il concetto di speranza, che è nell’animo di ognuno, che accende lo spirito di tutti, sempre e a prescindere.

Consegnando una di queste favole ad un bambino, che parole userebbe?

Innanzitutto la parola coraggio. La paura, le difficoltà possono trasformarsi, si possono abbattere e diventare una spinta ad osare. Ogni cosa difficile può diventare facile, basta avere coraggio, fiducia in se stessi. Coraggio e speranza. Insomma, gli direi: sorridi, sogna, immagina, emozionati. Abbi coraggio e speranza come nelle favole. Credo che ogni bambino possa trovare il mondo in un libro, perché il mondo di un bambino è in un libro, è un libro di favole!

Altri progetti in cantiere?

Si, certamente. Continuare a scrivere e legare tutti i progetti alla mia attività nel sociale, ma soprattutto, cercare di infondere negli altri, nei giovani, la passione per la lettura, far si che i libri possano passare di mano in mano, di casa in casa, tra tanti scaffali. Che poi, a ben vedere, è lo scopo principale dell’associazione e della biblioteca di scambio che presiedo. La prossima iniziativa, già in cantiere, è per Natale. In ogni caso, spero di realizzare sempre tante cose che possano regalare un sorriso.