(Ita) I film vincitori del MyART Film Festival 2019

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

La bellezza delle immagini e la potenza della storia (vera) di Besna, una mamma curda – che racconta anche la vita di decine di migliaia di altre madri di giovani in guerra – in viaggio tra Kurdistan, Turchia e Siria alla ricerca del figlio combattente, ha convinto la giuria del MyART che “Dialogue” di Selim Yildiz è il miglior documentario per l’edizione 2019 del festival del cinema indipendente che si è svolto a Cosenza dal 5 al 9 novembre scorsi: al documentario prodotta tra Kurdistan e Turchia nel 2019 è andato il premio Sprar. Mentre per la sezione dei cortometraggio, il premio Migrantes per il miglior lavoro è andato a “The role” di Farnoosh Samadi, che nell’Iran contemporaneo racconta la storia di una donna che accompagna il marito attore a un provino e inaspettatamente ottiene una parte nel film che invece l’uomo non farà.

La giuria – composta da Daniele Ciprì, Andrea Segre, Ilir Butka, Anna Ramskogler-Witt, Alessandro Di Gregorio e Corrado Giustiniani – ha poi assegnato la menzione speciale al documentario “We are not togheter” di Alexander Nezam (Usa/Grecia, 2019) e al cortometraggio di animazione “Song Sparrow” di Farzaneh Omidvaria (Iran/Danimarca, 2019).

Gli studenti della scuole coinvolti nel progetto “MyArt film festival… for School” finanziato dal Miur e dal Mibact nell’ambito del Piano nazionale “cinema per la scuola”, attraverso un’APP hanno votato e scelto il “My Tyson” di Claudio Casale (Italia, 2018) come miglior cortometraggio visto durante le proiezioni mattutine.

La serata di premiazione ha concluso cinque giorni proiezioni ed eventi speciali tra i quali l’assegnazione del “Premio Mario Gallo” in collaborazione con Cineteca della Calabria al documentarista Andrea Segre; la proiezione del cortometraggio “frontiera” di Alessandro Di Gregorio (David di Donatello 2019 come miglior cortometraggio); l’evento organizzato dalla Fondazione Calabria Film Commission con i rappresentanti dei settori cinematografici di Calabria ed Albania e si discuterà di “Albania in Europa attraverso la cultura e il cinema: la Calabria come porta privilegiata d’ingresso”; e l’evento promosso in collaborazione con Coordinamento Sprar della Provincia di Cosenza e Servizio Centrale Sprar: la proiezione del film “Paese Nostro – Il film che avremmo voluto mostrarvi”, prodotto da ZaLab.

Ma è stato l’evento finale, ovvero la proiezione del potentissimo documentario “For Sama” ad aver decretato l’alto livello internazionale raggiunto dal MyART: il documentario di Waad Al-Khateab è stato infatti presentato in una premiere nazionale realizzata in collaborazione con il Human Rights Film Festival di Berlino con il quale nei mesi scorsi è stata stretta una partnership per lo scambio di esperienze ed eventi che produrrà effetti anche per le prossime edizioni del festival mediterraneo dedicato alle “narrazioni alternative” su migrazioni e diritti umani.