(Ita) “Io Acquisto Calabrese”

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Ripartire dal rilancio delle tradizioni e peculiarità enogastronomiche calabresi! Ci ha pensato l’Apci Calabria – Associazione Professionale Cuochi Italiani – con l’iniziativa “Io acquisto calabrese”.

È un progetto – spiega il presidente, lo chef Francesco Pucci – che parte dalla volontà di sostenere la ripresa dell’economia locale. Gli assembramenti tra persone sono vietati? E allora noi, con lo spirito positivo e propositivo che ci contraddistingue, facciamo “gruppo” tra i prodotti della nostra Terra per vivere la Calabria attraverso la cucina che, come sappiamo, racconta ed esalta il territorio.”

Noi chef dell’Apci Calabria – evidenzia Pucci – ci rivolgiamo alle aziende locali e preferiamo le derrate prodotte nella nostra regione. Più che di chilometro zero, noi preferiamo parlare di km giusto. Scegliendo i produttori calabresi possiamo aiutare l’economia della nostra regione e tante realtà medio-piccole che hanno bisogno del nostro sostegno per continuare a vivere e a lavorare al Sud. Solo così riusciremo a metterci alle spalle questo brutto e surreale periodo. Noi acquistiamo calabrese e invitiamo tutti a farlo!
“Siamo un gruppo di cuochi – racconta Francesco Pucci – che unisce la passione alla professione, che cresce e si forma per celebrare con la buona cucina la propria terra, le sue tradizioni e la sua storia. Oltre a promuovere e preservare i prodotti del territorio, svolgiamo attività benefiche e di volontariato. Noi siamo fortunati perché viviamo in luoghi variegati e splendidi che sono continua fonte d’ispirazione: dalle montagne della Sila, dell’Aspromonte e del Pollino ai due mari che abbracciano le nostre coste. Accarezzati dal vento e baciati dal sole. Possiamo sbizzarirci tra piatti di terra e di pesce che hanno radici nel passato ma strizzano l’occhio al futuro.”

Riso della piana di Sibari, pasta a filiera chiusa, caciocavallo di Ciminà, stocco, cipolla rossa di Tropea, nocciola di Torre di Ruggiero, zafferano, fagiolo poverello e altri legumi, peperone crusco, farro, vini, patata silana, carne di suino nero e suoi derivati come la ‘nduja, bergamotto, tartufo nero, clementina di Sibari, bocconotto di Mormanno: sono solo alcuni dei prodotti promossi e utilizzati dai cuochi dell’Apci Calabria che non stimolano solo l’appetito ma offrono delle cartoline di una Calabria bellissima che aspetta solo di essere assaporata.