(Ita) ITALIA NOSTRA per la SCUOLA – Al via i corsi di formazione

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

L’associazione «Italia Nostra», in linea con i suoi obiettivi fondativi /costitutivi, in accordo con il MIUR e con il MiBAC, si propone di promuovere la conoscenza, la tutela e la valorizzazione del Patrimonio storico, artistico, paesaggistico e naturale del nostro Paese mediante opportune/appropriate iniziative di educazione nelle scuole, di formazione ed aggiornamento professionale dei docenti e degli studenti mediante attività di informazione, formazione ma anche di educazione permanente nella società.

Su questo solco, anche quest’anno l’associazione presenta/propone:

1) – Il Corso  Nazionale di Formazione per i Docenti delle Scuole di ogni ordine e grado (“le pietre e i cittadini”) che affronterà il tema Educare alla cura del patrimonio: Paesaggi interni – patrimonio immateriale – tecnologie per la creatività. Strumenti per condividere e proteggere.

Il Corso inizierà il 6 Novembre, le iscrizioni dovranno essere effettuate tramite piattaforma del MIUR “SOFIA” a partire dal primo ottobre (procedura: MIUR SOFIA).

Dopo alcune lezioni introduttive ad ampio raggio, attraverso l’esame delle diverse tipologie di paesaggio e dei suoi elementi costitutivi, naturali e antropici, si guideranno i docenti a riconoscere  i “paesaggi minori” per capirne le peculiarità, i problemi e le fragilità, attraverso i pareri degli esperti del territorio con lo scopo di essere parte attiva nella conservazione della memoria e nell’auspicabile impegno per la rivitalizzazione di antichi centri urbani e rurali con le loro tradizioni ed la loro cultura.

Nei diversi tipi di paesaggio, infatti, si riflette e si riconosce l’identità intrinseca dell’uomo, mentre le comunità lasciano un’impronta forte sul territorio/paesaggio ma ne ricevono saperi ed emozioni altrettanto forti; si intuisce facilmente che al paesaggio sono legati i linguaggi e le tradizioni e di una cultura immateriale che si traduce in coesione sociale.

Gli strumenti digitali, ormai di uso comune, possono diffondere la conoscenza delle aree interne e periferiche in modo creativo e originale e contribuire ad ostacolare lo spopolamento che lentamente ma inesorabilmente le spegne.

L’Associazione si avvarrà delle competenze di esperti del settore (Cannatà, Costantino, Giancotti, Minuto, Neri, Paolino, nella funzione di Direttore del corso e di docente, Picone, Santagati, Venoso,), della presenza della Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, Prof.ssa Pasqualina Zaccheria, del coordinamento della referente del settore Giuditta Casile e della presidente dell’associazione reggina Angela Martino. Il corso fornirà esempi di metodo e nuovi strumenti di lettura per favorire il riconoscimento, la comprensione e l’interpretazione di concetti base, quali il territorio e le sue risorse, l’incidenza dell’opera dell’uomo nella formazione dei diversi tipi di paesaggio e di beni culturali. Finalità ultima è la comprensione di cosa sia un’azione concreta di cittadinanza attiva.

 

2) – Il Corso per gli studenti delle Scuole Superiori “A passeggio con la storia… le aree interne raccontano”. Anno Scolastico 2018/2019 (X.a edizione); le finalità del Corso, in sintesi sono:

  1. a) Promuovere la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e naturale del

Paese;

  1. b) Favorire la conoscenza del patrimonio “minore” come fattore di identità e di sviluppo locale e diventare promotori della salvaguardia del proprio territorio e delle sue caratteristiche peculiari;
  2. c) Contribuire a formare cittadini consapevoli e responsabili che amano e rispettano la natura e la loro terra.

I luoghi che si visiteranno, accompagnati dai responsabili dell’associazione e dai docenti proponenti, sono: Motta Sant’Agata, sito storico-archeologico (kastron bizantino? Sec. XI); Ortì, borgo di lontana fondazione ai piedi di monte Chiarello, con vista spettacolare sullo Stretto, resti fossili e piccolo museo della seta; Castellace (Oppido Mamertina) per i suoi antichi mulini e frantoi ed una Madonna di Loreto, opera di G.B. Mazzolo (1524); Pietra Cappa, straordinario monolite (il più grande d’Europa) in territorio jonico, nella valle della fiumara Bonamico; per concludere, un’attività laboratoriale, ovvero un’escursione nei dintorni di Reggio per cercare specie botaniche spontanee con il supporto di un esperto.

Infine, si vuole ricordare che «Italia Nostra» propone agli iscritti (che possono comunque aderire alle iniziative suddette) altre interessanti partecipazioni ed attività (seminari, escursioni, dibattiti, brevi viaggi, …) tutte rivolte a suscitare interesse, amore e partecipazione alla vita della città e del suo territorio.