(Ita) La Calabria che piace. Una rete di imprese per incidere nei mercati esteri

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Muove i primi passi “La Calabria che piace” una rete di imprese calabrese nata nella locride che raggruppa nove realtà imprenditoriali, attive nel settore dell’enogastronomia d’eccellenza.

Capofila della rete è la “Siante consulting” nata dalla sinergia di tre professionisti: gli avvocati Simona Vigile, Antonino Quattrone ed Enrico Lucisano con l’obiettivo di promuovere e valorizzare le tipicità del territorio calabrese, offrendo servizi di consulenza integrata, legale e commerciale, alle piccole e medie imprese.

L’idea della rete di imprese nasce da due concetti base: che in Calabria ci sono aziende che producono vere eccellenze eno-gastronomiche e che insieme si affrontano meglio i mercati internazionali.

Aziende complementari e non concorrenziali questa è la peculiarità degli imprenditori che hanno aderito a “La Calabria che piace”, concordi a collaborare per perseguire lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa di processo e la competitività sul mercato comunitario ed extracomunitario.

Alla rete di imprese hanno aderito le aziende: Azienda Agricola Taccone Pierluigi (olio); la Cascina 1899 di Agostino Salvatore (prodotti dolciari); Pastificio Carbone (pasta); Pane e sfizi di De Raco Giuseppe (panificati); La spina santa srl (bibite e liquori); Calabria & Calabria di Sirianni Agostino (conserve e confetture); Maiale Nero di Aspromonte – Società cooperativa agricola (salumi); Azienda Agricola Macrì Francesco (vino); Azienda Agricola Quattrone (bergamotto).

La sfida della rete di imprese “La Calabria che piace” è quella di innalzare le capacità competitive nel settore agro-alimentare, per competere nei mercati internazionali anche attraverso una corretta attività di promozione e di commercializzazione del brand.

Al fine di favorire la competitività delle imprese sul mercato le aziende coinvolte  ritengono che sia necessario caratterizzare i propri prodotti e servizi rendendoli riconoscibili presso i consumatori finali tramite un marchio di rete; coordinare un sistema di vendite di prodotti  in ambiti d’interesse comune; condividere tecniche di ricerca e monitoraggio coordinando altresì le modalità di accesso a nuovi mercati; migliorare il proprio materiale di comunicazione rendendolo adeguato ai tempi moderni ed ai mercati esteri; partecipare insieme ad eventi fieristici ed organizzare incontri mirati con compratori esteri.

 

Tagged on: