(Ita) L’opera di Stephany Kerwin, l’artista americana vissuta in riva allo Stretto, celebra e consacra la bellezza femminile

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

IMG_0043Americana d’origine si è trasferita a Reggio Calabria per amore e qui, dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti, ha creato molte delle sue opere, oggi apprezzate in tutto il mondo. Stephany Kerwin, recentemente scomparsa, è stata definita “un’artista poliedrica” per la sua ricerca e sperimentazione costante eseguita sui materiali.  Bronzo, legno, ma anche plexiglas, la materia si piega alle sue abili mani per creare forme che a volte suonano come ossimori: piene nella forma, leggere nelle sinuosità dei movimenti, delicate negli intrecci che riescono a creare nello spazio, tra altezza e spessore, giochi di luce ed evocazione di suoni. La sua arte è un inno ai sentimenti più nobili, un caleidoscopio di sensazioni umane e ancora un aforisma sulla bellezza della donna, quella intangibile allo sguardo, ma che si può soltanto sentire vibrare.  Così le sue donne di bronzo, dalle curve esagerate, rappresentano una vera e propria collezione di modi d’essere ed esprimono libertà, gioia di vivere, allegria. Sentimenti che fanno vibrare e rendono quasi eteree le forme esagerate, per carpire uno stato d’animo, vero e sincero. Quello che Stephany riusciva a vedere nelle donne di tutto il mondo, nell’essere madre, lavoratrice, artista o semplicemente sognatrice. IMG_0042

Nella sua splendida collezione anche un omaggio alla  “Bagnarota”, “forte e fertile”, nel suo atto –icona di trasportare il pesce sulla testa. Nei suoi arti inferiori, tutta la fatica di un gesto che rappresenta un atto socio- antropologico-culturale, quello del lavoro delle donne del sud per amore della famiglia , dei figli e della sopravvivenza. Alzando lo sguardo, si rimane però colpiti dalla leggiadria che l’artista è riuscita a imprimere al rituale delle donne di Bagnara, celebrando lo scambio ancestrale tra madre natura e uomini.  È sempre una donna imponente ad accogliere e a dissetare i visitatori del MuSaBa, il Museo di Santa Barbara, a Mammola. La postura della statua, a pancia in giù con le gambe piegate verso le ginocchia,  suggerisce relax e spensieratezza, invitando a godersi la bellezza del luogo.  Rappresenta un simbolo del parco e molti turisti approfittano per sedervisi e scattare fotografie ricordo.

In ricordo di Stephany, una galleria fotografica di alcune delle sue opere.