(Ita) Il Terzo Paradiso approda a Mulinum: lanciata la “Call for bells” per realizzare l’opera dell’artista internazionale Yuval Avital

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Caccavari con i due soci Vincenzo Meddis e Mario Valenti

“Una cena di mezza estate, attorno ai campi di grano Mulinum, si rivelò propizia: da quel momento conviviale, lo scorso anno, noi sei ambasciatori calabresi del Terzo Paradiso rinvenimmo nell’antico mulino calabrese un paradiso in terra e lanciammo l’idea del progetto “Il Terzo Paradiso del Mulinum” così Simona Mazzitelli, ambasciatrice del Terzo Paradiso nonché ideatrice del progetto, racconta la nascita della collaborazione tra la realtà di Michelangelo Pistoletto e la startup agricola di Stefano Caccavari.

Un progetto eclettico, divenuto subito realtà grazie alla prima attività didattica, nel dicembre scorso, mese della semina, con laboratori sensoriali di educazione ambientale e alimentare per piccoli studenti a cura delle ambasciatrici Iole D’Agostino, Giovanna Costanzo e  Caterina Bettiga; a seguire, nel mese di gennaio, un momento di ricerca artistica con l’artista di fama internazionale Yuval Avital.

Queste le solide basi del progetto “Il Terzo Paradiso del Mulinum” che, ad oggi, coinvolge circa quindici persone tra ambasciatori, artisti locali ed internazionali, professionisti e sostenitori  di un’idea che affascina.

“Un progetto artistico con un impatto sociale, dove la bellezza della creazione artistica risiede nell’incontro tra ricerca estetica ed etica” aggiunge Mazzitelli dichiarando con grande soddisfazione che “Michelangelo Pistoletto e Saverio Teruzzi, coordinatore  internazionale del progetto Terzo Paradiso della Fondazione Cittadellarte, hanno riconosciuto  Mulinum come un centro che veicola un  messaggio di cultura e favorisce lo sviluppo del territorio dal punto di vista sociale, civile ed economico”.

Così, la startup agricola Mulinum, ideata dal giovane imprenditore Stefano Caccavari grazie a un crowdfunding con cui ha recuperato la filiera dei grani antichi difendendo il territorio, è divenuto il luogo in cui realizzare il sogno del suono unico del Mediterraneo.

Proprio qui, a San Floro, nella zona più ventosa della Calabria, Yuval Avital, artista e ambasciatore del Terzo Paradiso, darà vita a Il giardino dei sonagli: le spighe sonore del Mediterraneo, un’immensa scultura sonora, suonata dal vento della rinascita.

Yuval Avital e Michelangelo Pistoletto

“É un’equazione sonora dell’utopia raggiungibile del Mediterraneo in cui la potenza della diversità degli esseri umani viene celebrata attraverso sonagli con un differente peso, ritmo, storia, provenienza, funzionalità, che insieme vivono, suonano e fanno incontrare mondi lontani” afferma Avital.

Tale opera composta, appunto, da trecentosessanta campane, tutte diverse, che si uniranno naturalmente e “demo-praticamente” per generare il suono unico dell’infinito presente, nel quale riecheggeranno la magia, la storia, la cultura e la tradizione di ogni luogo del Mediterraneo, sarà posizionata nel campo di grano Mulinum e verrà inaugurata domenica 14 luglio, in occasione della Festa della trebbiatura, che si rivelerà un  prestigioso evento artistico e scientifico.

La scultura visionaria di Avital è, però, collettiva ed inclusiva, dunque si completerà solo attraverso la partecipazione e il potere del fare di ognuno di noi.

Pertanto, Mulinum e Terzo Paradiso hanno lanciato la « call for bells »  invitando tutti i Paesi del Mediterraneo a donare volontariamente una scatola di campane o sonagli del proprio paese o regione di origine, entro il 31 maggio. Per scoprire le modalità con cui divenire parte integrante del progetto con la propria “voce” è possibile trovare maggiori informazioni e modulistica a questo link https://www.mulinum.it/callforbells/.

“Una collaborazione importante per promuovere il nostro territorio ma soprattutto per rendere il nostro Mulinum il centro propulsore della tradizione mediterranea” conclude Caccavari, già alle prese con l’organizzazione del grande evento di domenica 14 luglio.