(Ita) Nominati gli Ambasciatori del Menu tipico Lametino nel mondo per il 2019

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

In occasione dell’assemblea di apertura del nuovo anno sociale, l’Accademia delle tradizioni popolari Calabresi, presieduta da Nicolino Volpe, ha conferito il titolo di “Ambasciatore del Menu Tipico Lametino nel mondo per l’anno 2019” a diversi soci. Ad essere nominati sono stati: Sandrino Isabella, vice segretario della Federazione Italiana cuochi in Australia, confermandola Ambasciatre in Australia; Emanuele Mancuso, dell’Associazione professionale cuochi Calabresi, nominato Ambasciatore in Inghilterra; Ol’Ga Gudilina, del TEAM CHS Calabria, nominata Ambasciatrice per la Federazione Russa; Antonella Zucca, responsabile di SOS Cucina Chef a Domicilio, confermata Ambasciatrice per l’Austria, Germania e Svizzera; Antonio Businelli, presidente della delegazione dell’Accademia delle tradizioni popolari Calabresi in Brasile, confermato Ambasciatore per il Brasile; Salvatore Lucchino di SOS Cucina Chef a domicilio, confermato Ambasciatore per la Polonia.

A consegnare gli attestati è stato l’ideatore del Menu Tipico Lametino, manager dei servizi turistici del territorio, Gianfranco Caputo, che ha sottolineato ancora una volta quanto sia importante l’elemento dell’internalizzazione in modo da destare l’interesse dei turisti stranieri, puntando sul sempre più affermato stile low cost, che spinge ad ottimizzare il tempo e il denaro disponibili, alla ricerca di una vacanza breve e gratificante ma soprattutto, esperienziale e culturale.
Diamo a queste persone una grande responsabilità, quella di promuovere il bello di un territorio martoriato e mortificato dalle continue e brutte vicende che oramai ci affliggono da generazioni” – ha sottolineato il presidente Nicolino Volpe. “Nella certezza che saranno capaci di far conoscere e riconoscere le cose belle di questa nostra splendida terra, a partire dalla tradizioni culinarie – ha concluso – faccio loro un grande augurio di buon lavoro“.