(Ita) Quartieri in fiore. Mormanno si veste di bellezza

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Rendere attrattivo un borgo? Basta un bel progetto e tanta fantasia e senza tante risorse, con un pò di ingegno e buona volontà, contribuire nel piccolo a rendere più gradevole ed accoglienti, per cittadini e turisti, gli slarghi, i vicoli e le viuzze di uno dei centri storici più suggestivi del Pollino.

Mormanno ha scelto di far partire un progetto di valorizzazione delle identità locali denominato Quartieri in fiore, che ha stimolato in poco tempo la sana competizione alla bellezza tra i quartieri del borgo del faro Votivo, Costa, Casalicchio, Torretta e Capo Lo Serro entro i quali si svolge la più rinomata ed attrattiva Festa di Perciavutti nel mese di Dicembre.

In collaborazione con i ragazzi del Servizio Civile – preziosa risorsa operativa che ha dimostrato in più di una occasione la sua efficacia per la messa in opera di azioni a sostegno della cittadinanza – la collaborazione delle attività commerciali florivivaistiche di Mormanno, dell’associazione Comunalia e dei cittadini del borgo è partita un’azione di restyling floreale che sta interessando tutti i quartieri di Mormanno.

A coordinare le attività di posa degli ornamenti floreali, riutilizzando vecchie botti, antiche lanterne, ceppi di legno e altri spazi inutilizzati del centro storico, c’è l’assessore Manuela De Luca che sintetizza appieno la volontà dell’amministrazione di stare al fianco di cittadini, associazioni in un’ottica di visione comune per rendere più attraente e pulito il borgo della lenticchia, del poverello bianco e del bocconotto e dei salumi di qualità.

La volontà del progetto è semplice: «valorizzare – spiega l’assessore De Luca – alcuni punti caratteristici del centro storico e rendere tutti protagonisti della cura e del rispetto dei beni comuni».