(Ita) Successo della prima Rassegna del giornalismo agroalimentare. Vittorio Caminiti ringrazia lo staff e pensa alla seconda edizione

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Una prima edizione col botto. Possiamo definire così la Rassegna del giornalismo agroalimentare e agroindustriale pro sud che si è svolta presso il Museo del Bergamotto di Reggio Calabria nei giorni il 10, l’11 e il 12 settembre 2020.

A sottolineare il successo dell’evento è stato il presidente della Fondazione ITS e dell’Accademia del Bergamotto e del Museo del Bergamotto, Vittorio Caminiti, che ha ringraziato organizzatori e partecipanti.

Gli ottimi risultati raggiunti dalla manifestazione si devono all’impegno di molti autorevoli esperti del settore. Star dell’evento è stato lo chef stellato di fama mondiale don Alfonso Iaccarino. Inoltre, vogliamo ringraziare coloro che con impegno e passione hanno lavorato all’organizzazione dell’evento per ben 6 mesi”.

Il progetto, che è stato finanziato grazie ai contributi economici della Fondazione ITS Reggio Calabria e dell’Accademia del Bergamotto e dei soci che la sostengono – il presidente Caminiti ci tiene a precisare che il progetto non ha ricevuto finanziamento pubblico – ha visto anche il contributo del Maestro Gerardo Sacco che ha supportato l’evento  con i premi. “Vere e proprie opere d’arte” – evidenzia Caminiti –  di cui il Maestro  ha curato personalmente la fattura”.

Il presidente Caminiti ha rinnovato i ringraziamenti alla macchina organizzativa dell’evento. Dal personale amministrativo della Fondazione ITS, con a capo l’avvocato Giovanna Barreca, che ha rintracciato consorzi, associazioni, aziende, istituzioni e rappresentati di categoria, ottenendo forti adesioni, ai volontari dell’Accademia e del Museo del Bergamotto che, con l’amministratrice Karine Thierry, si sono occupati della logistica e della organizzazione dell’ospitalità e, soprattutto, del controllo affinché venissero rispettate le misure anticovid.

Ringraziamenti anche a chi ha curato i laboratori esperienziali e la selezione delle materie prime: il primo giorno la gastronoma, sommelier e personal food coach  Anna Aloi, che ha anche realizzato un programma dedicato all’evento;  il secondo giorno la sommelier ed esperta di cucina, Giovanna Pizzi, che ha supportato nell’organizzazione e nel coordinamento lo stesso presidente; la terza giornata l’esperto di gastronomia Corrado Rossi.

Un ringraziamento va nello specifico alla dott.ssa Pizzi, la quale, nell’ultimo mese, ha collaborato all’organizzazione, rinunciando spesso ai propri impegni personali e di lavoro, per aiutare a risolvere le problematiche che si presentavano”, ha aggiunto Caminiti.

Il presidente d Fondazione ITS di  Reggio Calabria si è occupato dell’accoglienza di tutti gli ospiti, con l’aiuto della sua famiglia e del Maestro Sacco.

Infine, il presidente ha ringraziato chi si è occupato della comunicazione:  Video Calabria e il suo direttore, Max Tigani Sava che “per ben tre giorni, hanno tenuto una troupe a disposizione del premio h24”. Una menzione speciale anche alla giornalista Eva Giumbo che da tantissimi anni segue tutte le manifestazioni dell’Accademia e all’addetto stampa  Luigi Salsini.

Con una simile squadra – ha concluso Caminiti –  ci sentiamo pronti per la seconda edizione!” .