(Ita) Summer Arena 2019, grande chiusura il 7 settembre con lo show di Andrea Pucci, per la prima volta in Calabria dopo il successo televisivo

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

Chiusura col botto per la Summer Arena 2019 a Soverato. Ultimo appuntamento nel cartellone della Esse Emme Musica che gestisce la struttura, sabato 7 settembre ci sarà, per la prima volta in Calabria, Andrea Pucci.

Il comico milanese, il cui vero nome è Andrea Baccan, è pronto a scatenare un turbinio di risate con gag a ripetizione e monologhi inediti sull’onda lunga dei fortunati “C’è solo da ridere” che ha travolto d’energia e risate i teatri, o “101% Pucci”, one man show in onda su Italia Uno a settembre 2016 che lo ha consacrato anche sul piccolo schermo.

Cabarettista, monologhista attento osservatore della quotidianità, ama dialogare e scontrarsi con il pubblico improvvisando situazioni grottesche. Pucci si esibisce con monologhi e satira su sfondo di costume (non ama quella a sfondo politico) e società moderna, coinvolgendo il pubblico, datosi che le storie si basano sull’interpretazione in chiave comica di verità attuali e quindi che potrebbero anche essere vissute dal pubblico nella quotidianità. Spesso rievoca grotteschi episodi dell’adolescenza, sia quella vissuta da lui che quella in genere.

“In.. tolleranza 2.zero” è il nuovo spettacolo in cui Andrea Baccan in arte Pucci, rende esilarante la fatica di vivere, di chi, a 50 anni, si trova ad interagire con nuove e incomprensibili mode, nuove tecnologie, con la scuola della figlia e le devastanti e dispendiose attività extrascolastiche, senza tralasciare gli acciacchi del mezzo secolo che si porta sulle spalle, costretto ad esami clinici ed esercizi fisici, per rimanere vitale in un mondo dove sono diventate indispensabili cose fino a poco tempo fa inutili e ridicole. L’attore comico italiano con i ritmi più incalzanti e l’energia a ciclo continuo, evita la satira politica, preferendo quella di costume, la quotidianità è l’argomento centrale.