(Ita) Vibo Valentia punta sulla sostenibilità sociale per rilanciare il territorio.

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language. Or use Google Translate selecting a language here:

yescalabria_elio_costa_01Quando sei chiamato a governare un comune in dissesto, c’è poco da ridere! Perché, conti alla mano, i soldi non ci sono, ma restano tanti nodi da sciogliere e le aspettative della collettività da soddisfare. Il sindaco di Vibo Valentia, Elio Costa, eletto nelle amministrative del maggio 2015, quando ha assunto per la seconda volta l’incarico di primo cittadino si è trovato in una situazione simile. Una città decadente che ha perso il legame con la sua storia trimillenaria, ma soprattutto il rispetto di se stessa. Ed è proprio dall’identità culturale e sociale della città che Elio Costa ha deciso di ripartire per migliorare la qualità della vita dei vibonesi.  Un programma fitto d’interventi che guardano alla sostenibilità come motore di sviluppo e che mettono al primo posto bambini e anziani, spesso considerati gli anelli deboli della collettività, quali pilastri portanti della nuova società. Perché gli anziani sono la memoria storica e i bambini rappresentano il futuro. Con loro, al centro della propria filosofia d’intervento il sindaco pone la famiglia, come depositaria di valori e d’identità.  A loro il Sindaco dedica il recupero degli spazi pubblici, per favorire l’incontro tra cittadini e riscoprire il senso della collettività. Tra questi il Parco Urbano, che attualmente versa in stato d’abbandono, da riqualificare con apposite zone destinate alla cultura e allo sport. Per recuperare il valore ambientale e creare affinità tra natura e cittadini è prevista anche un’area denominata “Parco della vita” dove i genitori possono piantare una rosa che porterà il nome del loro bambino appena nato. Ai bambini è dedicata anche la Villa Comunale. Qui il Sindaco ha curato personalmente la scelta delle piante e la loro disposizione affinché d’estate le fronde verdi e rigogliose proteggano dal sole e d’inverno, invece, gli steli spogli favoriscano il passaggio di luce e calore (il Sindaco ci ha mostrato il rendering, un luogo davvero suggestivo che comunica serenità e pace). Qui, a contatto della natura, i ragazzi potranno riscoprire i giochi di un tempo, quando non esistevano i video giochi e le chat.

L’ex magistrato non si ferma e continua a illustrarci come, attraverso le politiche di solidarietà sociale, intende dare nuovo slancio all’identità di Vibo per far rinnamorare i vibonesi della propria città.

“Scusi Sindaco” – lo interrompiamo a un certo punto – “come può portare avanti queste attività con i conti comunali in dissesto?”. L’ex magistrato è diretto e immediato: il mio obiettivo è portare benessere alla collettività. Eliminando gli sprechi e attraverso il finanziamento di progetti specifici le opere si realizzano”.

Una frase che rivela determinazione, passione e voglia di fare. La ricetta che sta alla base di tutte le idee innovative e delle buone prassi.