Turismi, Altomonte punta sul patrimonio artistico

Valorizzare il patrimonio monumentale ed artistico per migliorare la forza attrattiva della Città d’arte e della Calabria. È l’obiettivo di Altomonte Borgo Calabria 4.0., il programma di interventi che attraverso il recupero e l’adeguamento del Granaio e della Sala capitolare del Convento domenicano, consentirà di rendere fruibili spazi e luoghi e migliorare l’esperienza emozionale di cittadini ed ospiti.

 È quanto fa sapere l’assessore al turismo Mario Pancaro ribadendo con il Sindaco Gianpietro Coppola l’impegno dell’Esecutivo nella direzione che va nella promozione della destinazione Altomonte, a 360 gradi.

L’assessore coglie l’occasione per informare che nel pomeriggio di oggi, venerdì 24, nella sala consiliare, si riuniranno i rappresentanti dei Borghi più belli d’Italia della provincia di Cosenza per firmare un protocollo di intesa con la Serratore Viaggi, azienda da oltre vent’anni operante in Calabria, divenuta punto di riferimento nel territorio. Insieme al Primo Cittadino e all’Assessore al turismo parteciperà anche il rappresentante in Calabria del sodalizio Bruno Cortese. Alla base dell’intesa vi è la valorizzazione di un percorso che consenta la scoperta e la conoscenza dei territori calabresi, a partire proprio dalla rete dei Borghi più Belli d’Italia.

Altomonte Borgo Calabria 4.0. L’intervento è destinato a migliorare la fruibilità di tutto il complesso monastico di San Domenico, edificio storico di grande pregio adiacente la chiesa di Santa Maria della Consolazione. I lavori di riqualificazione del Granaio e della Sala capitolare, si aggiungono a quelli sugli altri monumenti come la Torre Normanna, il Castello del Principe, il Belvedere de’ Sangineto e perfezioneranno la capacità attrattiva del borgo.